Eroi dei Due Mondi

Sono nata e cresciuta in una terra che non è quella di origine della mia famiglia. E per tutta la vita sono stata fianco a fianco di persone che non facevano che parlarmi dei luoghi della loro infanzia, così diversi e distanti da quelli a cui ero abituata. Questo ha fatto sì che, diventata adulta, io non mi sentissi parte di nessun luogo veramente.

Non appartengo alla terra in cui vivo, né a quella in cui sono nati i miei genitori e vissuti i miei nonni. Al contempo, sviluppando nel periodo della pubertà un grande interesse verso culture differenti dalla mia, ho iniziato a sentire un richiamo verso quei luoghi di cui ho letto e sognato tanto.

difference

Ci sono stati momenti in cui mi sono sentita addirittura avulsa dall’epoca che la mia macchina biologica sta attraversando, provando qualcosa di simile a una nostalgia per un tempo passato mai vissuto.

Tutti questi elementi mi hanno destabilizzato per lungo tempo e in parte lo fanno ancora. Inoltre hanno contribuito a creare una personalità, la mia, completamente libera da qualsiasi senso di appartenenza e che però in qualche modo, lo agogna.

Nell’ultimo periodo ho avuto modo di riflettere molto su questo tema e di conoscere altri con esperienze e vissuti molto simili ai miei, così credo di aver trovato infine una risposta a questi “dilemmi dell’animo umano”.

calendario maya

Un’antichissima profezia risalente al popolo Maya ci tramanda che la nostra epoca appartiene ormai dal 2012 alla cosiddetta Era dell’Oro, quella che vedrà crescere la Terra e i suoi abitanti nell’abbondanza, nella prosperità e nell’armonia. Gli individui nati a cavallo di questo periodo storico sono stati chiamati Eroi dei Due Mondi, perché a essi va l’arduo compito di accompagnare l’umanità nel delicatissimo e difficilissimo periodo di passaggio da un’era (quella del Ferro) all’altra (quella dell’Oro, appunto).

E allora mi sono detta… se ogni cosa si riflette nel microcosmo e nel macrocosmo, se “come sopra così sotto, come dentro così fuori, come l’Universo così l’Anima”… allora non è che forse questo “tenere un piede in due scarpe” che sento appartenermi dalla nascita fa parte anch’esso della trasformazione che la mia generazione è chiamata a portare nel mondo? Non può essere che questo mio sentirmi slegata da qualsiasi terra, origine, appartenenza sia in realtà uno specchio dell’epoca in cui vivo? E ancora: se così fosse, perché ostinarsi a vederla come una debolezza, una mancanza, quando posso trasformare questa mia unicità in una forza?

butterfly-1518060_640

Perché in fin dei conti non si può vivere nella nostalgia, nella malinconia o nella speranza. Si vive il Presente, l’unico momento che esista. E cosa sono io, qui, ora? Che ricchezza ho da offrire al mondo?

Non ho solo le qualità delle genti delle mie origini, ma ho la fortuna e il privilegio di possedere in più anche quelle del luogo in cui IO sono nata e cresciuta. Non è un difetto, bensì un dono!

Un tempo tutti i luoghi e i momenti cosiddetti di mezzo, che non appartenevano né all’uno ne all’altro ambiente o periodo dell’anno e della giornata, erano considerati sciamanici: vale a dire luoghi/momenti in cui la magia era possibile, ponti tra il visibile e l’invisibile, tra realtà e fantasia, tra il possibile e l’impossibile. E allora anche noi che apparteniamo a due epoche, a due luoghi – geografici o dell’Anima – diversi, a due mentalità diametralmente opposte possiamo essere “sciamani” delle nostre vite.

secret-3120483_640

E’ che a volte, semplicemente, guardiamo le cose col paraocchi, interpretandole con vecchi paradigmi che nella Nuova Era in cui stiamo entrando non esisteranno. Quelle cose che tendiamo a vedere come sbagliate (tipo la tecnologia, perché “si stava meglio quando si stava peggio”) perché così ci è stato insegnato, sono in verità dei punti di forza visti da una prospettiva diversa. E allora il giovane cittadino che vuole sopra ogni cosa andare a vivere in montagna, ma si sente di non averne il diritto perché è sempre vissuto in città, dovrebbe smettere di assecondare una convinzione mentale che lo limita e abbracciare la sua natura per metà cittadina e per metà montanara. Quanta ricchezza può apportare a un contesto di montagna ormai chiuso in se stesso, vecchio e arretrato un individuo venuto da fuori con la forza e la volontà della gioventù e della novità? Quanto può dare l’unione di due universi apparentemente distinti quali la moderna tecnologia e la montagna coi suoi antichi e lenti ritmi?

ponte

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione, ma mi piace credere e sostenere con tutta me stessa che possiamo ribaltare per davvero quelle convinzioni limitanti che ci impediscono di realizzare quello che siamo venuti a fare su questo pianeta in questo periodo storico così critico: essere ponti, collegamenti, punti di unione tra due mondi opposti, ognuno a suo modo, ognuno con la propria voce, quella che vediamo come un nostro “punto debole”, ma che in realtà, se coltivato e nutrito con creatività,  potrebbe diventare il nostro Cavallo di Troia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: